Portale Trasparenza Comune di San Vincenzo - PRESTAZIONI SOCIALI INPS: ASSEGNO DI MATERNITA'

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

PRESTAZIONI SOCIALI INPS: ASSEGNO DI MATERNITA'

Responsabile di procedimento: Elisa D'Onofrio
Responsabile di provvedimento: Guazzelli Roberto

Descrizione

E' un assegno che la madre non lavoratrice può chiedere al proprio Comune di residenza per la nascita del figlio oppure per l'adozione o l'affidamento preadottivo di un minore di età non superiore ai sei anni (o ai 18 anni in caso di adozione o affidamenti internazionali).

La madre lavoratrice può chiedere l'assegno se non ha diritto all'indennità di maternità INPS oppure alla retribuzione per il periodo di maternità. Se l'importo dell'indennità o della retribuzione percepita è inferiore all'importo dell'assegno di maternità, la madre lavoratrice può chiedere al Comune l'assegno in misura ridotta (Quota Differenziale).

L'assegno spetta per ogni figlio; quindi in caso di parto gemellare oppure adozione o affidamento di più minori, l'importo è moltiplicato per il numero dei nati o adottati/affidati.

A CHI SPETTA

Cittadine italiane o comunitarie residenti in Italia al momento del parto o ingresso in famiglia del minore adottato/affidato.

Cittadine non comunitarie residenti in Italia al momento del parto o ingresso in famiglia del minore adottato/affidato, in possesso dei seguenti titoli di soggiorno:

  • Carta di soggiorno

  • Permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo

  • carta di soggiorno di familiare di cittadino dell’Unione quinquennale

  • carta di soggiorno permanente per i familiari non aventi la cittadinanza di una Stato membro

  • possesso dello status di rifugiato politico

In alcuni casi particolari, se la madre non può richiedere l'assegno, il beneficio può essere richiesto, a seconda dei casi, dal padre del bambino, dal genitore della madre, dall'adottante, dall'affidatario preadottivo o dall'affidatario non preadottvo.

REQUISITI ECONOMICI

Possesso di Attestazione ISE/ISEE valida riferita al nucleo familiare comprensivo del nuovo nato o adottato/affidato, il cui importo massimo per la concessione dell'assegno è annualmente rivalutato.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda deve essere presentata al proprio Comune di residenza necessariamente entro sei mesi dalla nascita del figlio o dall'ingresso in famiglia del minore adottato/affidato, con autocertificazione dei requiisiti reddituali e, per le cittadine non comunitarie con la Carta di Soggiorno o il permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo, o altro titolo di soggiorno.

Chi contattare

Personale da contattare: Fontanelli Daniela, Elisa D'Onofrio

Altre strutture che si occupano del procedimento

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: si
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: si
45 giorni dalla data della richiesta

Costi per l'utenza

Nessuno

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: Non Previsto

Allegati

Allegato 1: Domanda assegno di maternitÓ.pdf (215 kb - pdf) File con estensione pdf
Allegato 2: SR163_Rich_Pag_Prest.pdf (82 kb - pdf) File con estensione pdf
Contenuto inserito il 31-10-2013 aggiornato al 13-03-2019
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Via Beatrice Alliata, 4 - 57027 San Vincenzo (LI)
PEC comunesanvincenzo@postacert.toscana.it
Centralino 0565 707111
P. IVA 00235500493
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza Ŕ sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it